Arrampicate sportive ed alpinistiche ad Arco nella Valle del Sarca
Vie nelle Dolomiti: Dolomiti di Brenta Pale di San Martino Moiazza Sella, Sassolungo Marmolada Vallaccia Pale di San Lucano Gruppo Fanes Catinaccio
Via Uscita diretta Via sulla Guglia Davide Pinamonti Via dei tre settori Via Camino rosso Via Canto del silenzio Via Pilastro bello Via Strettezza Via Saturno Via Giove Via Urano
 
[Via sulla Guglia Davide Pinamonti] [Topo Via sulla Guglia Davide Pinamonti]

Via sulla Guglia Davide Pinamonti

Vallaccia

Primi salita: H. Grill, F. Heiss, 3 Luglio 2002.
Migliorata e attrezzata Agosto 2013

Difficoltà: Parte bassa: massimo VI
Parte superiore: massimo VI+


Sulla discesa della Vallaccia, che sfrutta della lunga cengia media, si trova alla fine, una bella guglia con la forma di un cappuccio.

La via sulla Guglia Davide Pinamonti non è molto impegnativa, ma alpinistica come sempre nella Vallaccia. La roccia è in gran parte ottima, solo pochi passaggi rimangono su zone a scaglie.

La prima salita della guglia e della parete sottostante fu già nell'anno 2002. La guglia era senza nome e mai salita. Questo agosto del 2013 gli amici di Heinz hanno attrezzato la via con chiodi normali, cordini e annelli sulle soste e hanno battistato la torre, in memoria del nostro amico, "la Guglia Davide Pinamonti". In complesso è una via molto interessante.

Accesso:

Da Pozza di Fassa si va ca. 2,5 km nella Val San Nicolò. Tra la Soldanella (Ponte) e la Malga Crocefisso a destra c'è una strada non asfaltata (1480 m). Qui parte il sentiero n. 615 B (cartello indicatore) per il bivacco Zeni. Si sale il sentiero ben segnalato per la Vallaccia e per il bivacco che, dapprima nel bosco e poi nel canalone sotto le pareti della Torre della Vallaccia, conduce - sempre ripidissimo - al pulpito erboso su cui sorge il bivacco Zeni 2100 m (ore1,5). Si sale il sentiero verso la Forcella Vallaccia per circa 15 minuti e si scende all'attacco.

Discesa:

Dalla torre in corda doppia lungo la via e poi scendere sulla cengia a destra (II) fino a una canalone di porfido.