Arrampicate sportive ed alpinistiche ad Arco nella Valle del Sarca
Dos Casina Pezol e Ir Parete di Padaro Monte Colodri Rupe Secca Parete San Paolo Lastoni di Dro Coste Dell'Anglone Monte Brento Pian dela Paia Parete del Limarò Due Laghi
Via Pance di Pezol Via Dante Dassatti Via Trincea Via Ghiro in tondo Via dell'Incontro Via Dolcetto e Scherzetto Via dell’Incontro parte superiore Via del Gufetto Variante Gufetto superiore Via del Gufetto superiore Via L’inquisitore Via In crescendo Via Roccia preziosa
 
[Via Dante Dassatti]

Via Dante Dassatti


Difficoltà: VI, un passaggio,
spesso V-, (V+ obb.), R1

Dislivello: ca. 150 m

Chiodatura:

Sulle soste ci sono spit con anello o clessidre.
Assicurazione intermedia con tante clessidre, un chiodo e 3 spit. Per migliorare l'assicurazione si consiglia di portare qualche friend piccolo e medio.
Questa via è stata intitolata, dai primi salitori, a Dante Dassatti, comandante della brigata Garibaldi „Eugenio Impera“ che assieme ad altri gruppi partigiani come le Fiamme Verdi ed il battaglione operaio della Fiat, lottarono per liberare Riva del Garda ed Arco dalla truppe naziste in ritirata, salvando cosi le città anche dai bombardamenti.

La "Dante Dassatti" era una via dimenticata, friabile e ricoperta da vegetazione. Per trovare una linea ideale erano necessari tanti pensieri, riflessioni e lavoro durante più anni. Adesso i pilastri con buchi, i camini e le fessure ruvide sono pulite e chiaramente visibili nella loro forma. I ripetitori possono ora percepire e apprezzare le forme. Si può dire che è avvenuta una trasformazione.

La prima parte della via segue piccoli pilastri con bei buchi e tante clessidre, a destra di uno spigolo evidente si sale un camino sporco. La nuova uscita segue una fessura ruvida, supera uno strapiombo sulla destra per seguire poi delle fessure in placca. L'ultimo tiro è ancora su pilastro.
È una bella via alpinistica non troppo difficile.
Attenzione però, fuori della via ci sono blocchi instabili!

Accesso e Discesa:

vedi qui