Arrampicate sportive ed alpinistiche ad Arco nella Valle del Sarca
 

Cooperazione ritmica e il suo valore rigenerativo

di Barbara Holzer

 Via Due Caratteri
L’uscita dalla via Due Caratteri
Per info sulla via clicca qui
In questi giorni di tempo insicuro è difficile programmare di scalare lunghe vie. Eravamo 5 scalatori e cercavamo un po’ di rigenerazione. Arrampicare una via lunga sarebbe stato sicuramente distensivo per i nostri nervi ma non era possibile a causa delle condizioni meteorologiche instabili. Secondo la mia esperienza movimenti continui durante alcune ore, soprattutto se sono fluidi e non troppo forzati, creano un sentimento molto positivo, un sentimento di trovarsi in flusso e armonia con se stessi e con la natura.

Per sviluppare un ritmo anche senza questa possibilità di una scalata lunga, avevamo l’idea di creare un'attività in cooperazione ritmica. Avevo già fatto questa esperienza con Heinz tante volte, si tratta di un giorno in montagna pianificato con l’intento di creare un ritmo tra diverse persone, aspetto che può generare nuove forze in modo sorprendente.

Abbiamo deciso quindi di percorrere due delle nostre vie aperte quest’estate nel Catinaccio nei Dirupi di Larsec. Una cordata in 2 avrebbe fatto la via dell’Indipendenza, l’altra cordata in 3 la via Due Caratteri. Le due vie sono corti ed è possibile interromperli se veniva un temporale o pioggia.

Queste due vie si trovano una di fronte all’altra in una gola, una su un lato e l'altra sul lato opposto. Potevamo quindi osservare i compagni dell’altra cordata, farci reciprocamente delle belle foto e, se qualcuno avesse avuto qualche problema, avremmo potuto comunicare e aiutarci.

Ci siamo incontrati al termine delle due vie nella gola, decisi a fare una terza via, una via appena aperta e questa volta insieme: la prima salita sulla „Torre della Pioggia“ L’abbiamo infatti percorsa sotto la pioggia, ma la cooperazione che ormai si era instaurata tra di noi ci ha regalato alcune belle esperienze: più percezione e apertura verso i compagni e verso la montagna, una sensibile calma, una forza interiore e perfino un sentimento di un valore duraturo.

[Foto] [Foto] [Foto]